Apparecchi acustici  

Apparecchi acustici

In Italia più di sette milioni di persone soffrono di disturbi dell’udito. Ma più della metà della popolazione totale non ha mai fatto un controllo dell’udito e, di conseguenza, coloro che soffrono di questi disturbi sono decisamente di più. Solo il 25% di questi pazienti usa protesi acustiche. Ma il 90% degli utilizz...

Apparecchi acustici

In Italia più di sette milioni di persone soffrono di disturbi dell’udito. Ma più della metà della popolazione totale non ha mai fatto un controllo dell’udito e, di conseguenza, coloro che soffrono di questi disturbi sono decisamente di più. Solo il 25% di questi pazienti usa protesi acustiche. Ma il 90% degli utilizzatori di questi dispositivi dichiara che, senza ombra di dubbio, l’apparecchio acustico ha migliorato la qualità della loro vita.


L’orecchio è l’organo deputato a sentire

Nell’orecchio possiamo distinguere tre parti:

- l’orecchio esterno è costituito dal padiglione auricolare (quello che per tutti noi è l’orecchio), dal condotto uditivo esterno e dal timpano;

- l’orecchio medio è formato dalla cassa timpanica che ha, al suo interno, tre ossicini (il martello, l’incudine e la staffa);

- l’orecchio interno è formato dalla coclea (una cavità a spirale nella quale si trovano le cellule recettrici acustiche) e da tre canali semicircolari, nei quali si trovano i recettori responsabili del senso dell’equilibrio.


Il padiglione auricolare raccoglie le onde sonore e le invia, attraverso il condotto uditivo esterno, fino al timpano, facendolo vibrare. Le vibrazioni si trasmettono prima ai tre ossicini dell’orecchio medio per poi raggiungere le cellule recettrici acustiche nella coclea. Queste le trasformano in impulsi nervosi che vengono inviati lungo il nervo acustico fino al cervello e qui trasformate in percezioni uditive.


Le cause dei disturbi dell’udito possono variare anche in base all’età

I disturbi dell’udito si manifestano a qualunque età, ma diventano più comuni a mano a mano che questa avanza, tanto che già fra gli over 65 ne soffre una persona su tre.


Quando non si sentono bene i suoni e, quindi, si ha difficoltà a comprendere bene anche le parole, si parla di ipoacusia. Più precisamente si parla di ipoacusia trasmissiva quando la compromissione riguarda l’orecchio esterno. Quando il danno riguarda la coclea o il nervo acustico, si parla invece di ipoacusia percettiva o neurosensoriale. Quando l’ipoacusia è un effetto fisiologico dell’invecchiamento, si parla di presbiacusia. Nell’anziano si manifestano anche forme di sordità precoce, dovute a patologie come il diabete, l’ipertensione o l’ipercolesterolemia. Nell’adulto anche l’esposizione continuativa a rumori forti può causare quella che viene definita sordità secondaria.


La diagnosi precoce è fondamentale

Non esitare a rivolgerti a uno specialista se non senti bene o se pensi che il tuo bambino non sia solo disattento. Nei più piccoli i disturbi dell’udito possono causare ritardi del linguaggio e disturbi del comportamento.


La diagnosi, oltre che sulla visita fatta dall’otorino, può basarsi anche su esami specifici. L’esame audiometrico tonale e quello vocale consistono nel far udire toni puri o parole, mentre l’impedenzometria misura l’elasticità del timpano (e quindi rileva la presenza di muco).


Quando servono gli apparecchi acustici

Nei più piccoli l’ipoacusia può essere ereditaria o congenita, ma anche essere la conseguenza di infezioni come l’otite effusiva. In generale, le ipoacusie trasmissive possono essere dovute a tappi di cerume, otiti acute e croniche, perforazioni del timpano. Sono curabili, a volte con un trattamento farmacologico, altre con il ricorso alla chirurgia. Le ipoacusie neurosensoriali, invece, possono essere causate da traumi o infezioni e non sono sempre reversibili.

Quando il deficit è irreversibile, si ricorre agli apparecchi acustici (o protesi acustiche).


Gli apparecchi acustici sono dispositivi elettronici formati da:

- un microfono, che rileva le onde sonore e le trasmette all’amplificatore;

- un amplificatore, che alza il volume dei suoni ricevuti dal microfono;

- un altoparlante, che invia i suoni amplificati nell’orecchio interno.


Oggi esistono due tipologie di protesi acustiche: gli apparecchi acustici retroauricolari e gli apparecchi acustici endoauricolari (o intrauricolari).


Gli apparecchi acustici retroauricolari sono formati da un guscio di dimensioni standard da posizionare dietro l’orecchio e da un auricolare da inserire nel condotto uditivo esterno.

Gli apparecchi acustici endoauricolari sono dispositivi su misura formati da un guscio che viene inserito dentro l’orecchio, nel condotto uditivo esterno.


La scelta dipende dallo stile di vita del paziente e dal grado di compromissione. Per perdite dell’udito gravi, sono indicati quelli retroauricolari. Se il disturbo non è grave, quelli endoauricolari sono preferiti da coloro che hanno uno stile di vita attivo o che non vogliono un dispositivo visibile.

Di Più
Ci sono 28 prodotti.

Apparecchi acustici  - I nostri prodotti

Amplificatore Acustico Aa Digital Air 3d Polaroid Universale

172,72 €

Duracell Easy Tab 312 Marrone

5,98 € 6,99 € -14%

Duracell Easy Tab 675 Blu

5,53 € 6,99 € -21%

Duracell Easy Tab 13 Arancio

5,95 € 6,99 € -15%

Duracell Easy Tab 10 Giallo

5,83 € 6,99 € -17%

Blister Zinco Aria Melody 6 Pezzi Modello 675

10,26 €

Amplificatore Acustico Acustika Discreto

104,37 €

Duracell Easy Tab 675 Blu

5,27 € 6,99 € -25%

Duracell Easy Tab 312 Marrone

4,93 € 6,99 € -29%

Duracell Easy Tab 10 Giallo

5,28 € 6,99 € -24%

Duracell Easy Tab 13 Arancio

5,11 € 6,99 € -27%

Amplificatore Acustico Aa Digital Superior 3d Polaroid Universale

288,52 €

Amplificatore Acustico Aa Digital Inivisble 3d Polaroid Sinistro

287,93 €

Amplificatore Acustico Aa Digital Inivisble 3d Polaroid Destro

290,66 €

Polaroid Tip Air/superior Taglia Medium 3 Pezzi

12,03 €

Polaroid Kit Paracerume Invisibile 8 Stecchini + 1 Blister

13,64 €

Apparecchio Acustico Acustika Discreto Ricaricabile

154,87 €
Visualizza 1 - 28 di 28 elementi